20 curiosità su American Dad che sicuramente non conosci

20 curiosità su American Dad che sicuramente non conosci

Il programma è comparso per la prima volta sui nostri schermi nel 2005, American Dad si sviluppa come sitcom che ritrae una famiglia con una piega un po’ satirica, diventando uno degli spettacoli comici più emozionanti della televisione. Con il passare del tempo, le restrizioni, dal lato narrativo e sul fatto di quali barzellette siano legittime, si sono spinte al punto da rendere questa mezz’ora sconvolgente.

Dopo una cancellazione prematura, lo spettacolo ha fatto il passaggio da Fox a TBS, assicurando così la sua vita per un futuro prossimo. La mossa non ha avuto alcun impatto negativo sul tipo di spettacolo avvicinandoci alla sua quindicesima stagione. Ora prendi i tuoi salatini e unisciti a noi mentre elenchiamo le 20 cose che probabilmente non sai degli Smiths.

20. Klaus doveva essere francese

Klaus Heissler
Klaus Heissler, ex campione olimpico di salto con gli sci della Repubblica Democratica Tedesca.

Persino per una commedia di Seth MacFarlane, Klaus è un personaggio piuttosto strano. Ciò-che-parla-ma-che-normalmente-non-dovrebbe è per la maggior parte interpretata da Roger, rendendo irrilevante per la struttura dello spettacolo il tedesco-olimpico-pesce rosso, che preso da solo non è importante per la struttura dello spettacolo. Invece di essere un’altra parte importante della dinamica familiare, egli offre agli scrittori una via in più alla commedia; durante la serie Klaus è diventato uno dei migliori personaggi secondari.

La sua nazionalità tedesca è una parte centrale del personaggio, ma non è sempre stato così. Originariamente il pesce degli Smith sarebbe stato chiamato François, essendo di origine francese. Basti pensare al potenziale della commedia. Il cambio è avvenuto solo perché Dee Bradley Baker non poteva fare un buon accento francese, quindi nelle sue audizioni ha chiesto ai produttori se invece poteva fare un accento tedesco. E fu così che se ne innamorarono.

19. Ci sono più loghi della Underdog Productions

Underdog Productions
Il responsabile della sicurezza Peña.

Se sei il tipo di persona che non cambia immediatamente canale al momento del lancio dei titoli di coda, allora avrai familiarità con la scheda Underdog Productions, un sottogruppo di Fuzzy Door Productions creato appositamente per produrre American Dad. I loro titoli di coda sono dotati di una guardia di sicurezza (denominata Peña, che lavora in studio), che saluta il pubblico. E’ così fugace che è facile perdere il momento, e l’addio sarà sempre diverso.

Ci sono infatti quattro diverse versioni, tutte con alcune varianti di quella che effettivamente a grandi linee ricordi (“Bye, have a great time!” sostituendo con “wonderful” o “beautiful” la parola “great”, o con il più semplice “Have a great night!”). Chuck Lorre non sarà vanitoso, ma è molto cool.

18. Era stato pensato come sostituto dei Griffin

American Dad incontra i Griffin
La famiglia Smith incontra i Griffin (episodio “Peter selvaticus”, numero 17, stagione 11).

Una lamentela diffusa contro American Dad, almeno all’inizio della sua corsa, era che era molto simile ai Griffin. Sicuramente ci sono gli stessi luoghi comuni e le stesse inflessioni personali di Seth MacFarlane, ma gli spettacoli sono piuttosto distinti; gli spaccati sono per lo più assenti in American Dad, inoltre i Griffin trovano l’umorismo nella cultura pop piuttosto che nella satira. Eppure, le lamentele erano inevitabili (fino a quando la mostra ha cambiato tono e The Cleveland Show ha mostrato come si presentava davvero un rip-off).

Beh, avrebbe potuto essere molto peggio; per la Fox American Dad era destinato ad essere un sostituto dei Griffin. Il Griffins era fuori dai giochi da alcuni anni quando gli Smiths sono stati concepiti, con la speranza che la rete avrebbe placato i fan arrabbiati per la cancellazione del primo show. Perché la Fox ha scelto di dare a qualcuno con uno spettacolo fallito un’altra possibilità non lo sappiamo, ma alla fine non importa; i Griffin tornarono proprio quando American Dad iniziò.

17. Gli scrittori ascoltano la musica per trovare idee

Roger suona la chitarra
Roger Smith.

E’ giusto dire che a questo punto American Dad è andato abbastanza nel ridicolo. OK, quindi ci si può aspettare una parodia di James Bond, ma in alcuni punti lo spettacolo ha realizzato delle trame piuttosto folli che obbediscono scioccamente a una logica interna deformata (almeno all’interno di singoli episodi). Devi solo chiederti da dove venga tutto.

Non meravigliatevi più. Mike Barker, creatore di serie e show-runner fino alla recente stagione 11, ha rivelato molte delle sue idee provenienti dall’ascolto della musica per l’ispirazione, con particolare credito dato a Wax Fang, le cui canzoni egli le descrive come “intrinsecamente cinematografico”. Se fossimo cinici, suggeriremmo che c’era qualcos’altro che aiuti questi concetti a prendere vita.

16. Lo Steve Originale

Steve Smith di American Dad
Steve Smith e Klaus.

Prima che American Dad fosse preso per un serie completa, i creatori hanno fatto un breve esperimento per far passare il loro punto di vista alla Fox. Seguendo lo stesso copione del primo episodio che alla fine ha trasmesso, a livello visivo è interessante vedere lo sviluppo. La differenza maggiore è il design di Steve, molto più stravagante e persino più goffo della versione finale.

Interpretato qui da Ricky Blitt, un attore vocale con un po’ di parti nei Griffin, quando Scott Grimes è salito a bordo il design è stato cambiato in quello che conosciamo maggiormente. Nel lungo periodo ha molto senso, permettendo a Steve di servire come qualcosa di più di un semplice geek; pur non essendo un dongiovanni, egli resiste a quella sitcom di vecchia data avendo un incredibile tasso di successo con le signore.

15. La Fox mentì sul 150° episodio

Episodio 150 di American Dad!
Lost in Space (2013).

Ritornando alla Stagione 9, Fox ha fatto un affare enorme sul 150° episodio di American Dad, sostenendo che fosse “Lost In Space“, il quale vedeva Jeff fare affari per la sua libertà con schiavi della specie di Roger. La verità è che si tratta del 151esimo episodio; il 150esimo effettivamente, “The Full Cognitive Redaction of Avery Bullock” del codardo Stan Smith, andò in onda una settimana prima.

Gli episodi di riferimento sono sono sempre un grande affare – per il suo 100° American Dad ha deliziosamente sconvolto e giocato all’altezza delle aspettative con una storia nuziale di Jeff e Hayley – il che rende tutto questo un po’ subdolo. Lost In Space è un episodio importante in termini di continuità generale e pone Jeff in un viaggio che dobbiamo ancora vedere risolto, quindi è possibile capire perché la Fox avrebbe messo a fuoco questo episodio piuttosto che sul vero e proprio anniversario. E, a giudicare da quanto pochi abbiano notato la discrepanza, sembrano averla superata.

14. Roger nell’episodio “I Griffin presentano Blue Harvest”

Roger nell'episodio I Griffin presentano Blue Harvest
La Cantina Mos Eisley in Blue Harvest.

All’ inizio di “It’s A Trap“, parodia di “Il ritorno dello Jedi” dei Griffin, Roger appare come il comandante della Morte Nera Moff Jerjerrod, con Stewie Darth Vader, attirando l’attenzione sul fatto che è lì perché hanno attraversato tutti i loro personaggi, facendo spazio a Ewok Tims e successivamente all’ammiraglio Ackbar Klaus.

Ma mentre questa è la prima volta dove un personaggio di American Dad gioca un ruolo di supporto, non era la prima volta che invece fa un’apparizione. Approfittando del grande vantaggio della vasta gamma di alieni presenti nella Cantina di Mos Eisley, Blue Harvest dispone di una vasta gamma di sci-fi easter egg di sfondo. E, tra lo Xenomorfo di Futurama Bender e lo Xenomorfo di Alien, Rodger gusta due bicchieri di vino.

13. Hayley è la sorella di Seth

Rachel MacFarlane e Hayley Smith
Rachel MacFarlane (sorella di Seth) è la doppiatrice originale di Hayley Smith.

Una delle cose che fanno scattare la curiosità è quando si vede il nome di Rachel MacFarlane comparire nei crediti di American Dad; con lo stesso cognome del creatore di serie Seth, suscita una domanda su come sia legata a lui. Bene, Rachel, che interpreta Hayley, è la sorella minore di Seth e in realtà è stata la voce dell’artista da prima che suo fratello diventasse importante.

Come si evince dalle loro interazioni nelle interviste, la coppia va incredibilmente bene, ma non è sempre stato così; crescere la personalità di Seth è stata piuttosto travolgente. Fortunatamente la rivalità sembra essere passata; Rachel ha anche prestato la sua voce ai Griffin, interpretando una miriade di personaggi di supporto, in particolare l’ex scappatella di Stewie, Olivia.

12. Il Pilota è l’episodio più visto…

Episodio Pilota di American Dad
La famiglia Smith al completo.

American Dad mandò in onda solo metà stagione, con solo sette episodi (le stagioni successive ne hanno circa venti). Mentre questo ovviamente ha dato meno opportunità per fare una grande impressione, ha permesso che la prima puntata andasse in onda post-Super Bowl nel mese di febbraio. Questo ha permesso di raggiungere il miglior numero di spettatori dello show, con 15,1 milioni di spettatori che si sono sintonizzati per vedere il debutto degli Smith.

E non possono essere rimasti delusi; è un episodio piuttosto forte, che si getta direttamente in una complicata trama con Steve che corre per la carica di Presidente e Roger che aiuta Hayley a imbrogliare su una carta. Lo spettacolo iniziato a maggio ha mantenuto una buona parte del pubblico attaccato allo schermo, ma con il passare del tempo il pubblico dimezzava. Tuttavia, per qualcosa di simile, 7 milioni di persone sono abbastanza consistenti.

11. … “La cerchia ristretta” e “Una relazione a distanza cosmica” sono accumunati essendo i meno visti

Episodio La cerchia ristretta
Stan e Hayley Smith.

Mentre lo spettacolo continuava, i rating cominciarono a diminuire, anche se salivano di forza in termini di qualità. Nel momento in cui la sua esecuzione su Fox stava per finire, aveva a malapena 2 milioni di telespettatori, con “la cerchia ristretta” e “una relazione a distanza cosmica” (quest’ultimo è il finale della stagione 10) sono stati i peggiori con solo 2,36 milioni di spettatori.

C’era stato un calo costante durante gli ultimi due anni, con lo spettacolo regolarmente sotto i 4 milioni, raramente successo prima. Si può capire perché quelli della Fox sono stati felici di vedere lo spettacolo passare a TBS; anche i Simpson al loro punto più basso non affondarono mai così in basso. Per il TBS più piccolo, tuttavia, questo tipo di numeri sono grandi.

10. Seth MacFarlane non lo capiva

Festa episodio 100 di American Dad
Seth MacFarlane alla festa per l’episodio n.100 di American Dad!

Sebbene sia il volto più comunemente associato allo show, per una parte iniziale della sua serie Seth MacFarlane non ha mai capito American Dad. Ha svolto un ruolo importante nel far decollare il progetto, ma con Griffin di ritorno dalla cancellazione, ha fatto molti più sforzi in questo show, essendo poco più di un portavoce per la serie più giovane.

Anche i colleghi creatori Mike Barker e Matt Weitzman non erano sicuri di che cosa fosse la voce unica dello show, ma come showrunners erano quelli che dovevano effettivamente scoprirla. Nel momento in cui stava entrando nella sua terza stagione, divenne evidente che lo spettacolo sarebbe stato molto più a strascico di quanto originariamente previsto, con Roger in particolare diventato un personaggio più creativo. Questo ha entusiasmato MacFarlane senza fine, con la sua partecipazione in realtà in aumento nel tempo.

9. George Washington Carver non ha inventato il burro di arachidi

George Washington Carver
George Washington Carver è stato un ricercatore botanico statunitense ed educatore nel campo dell’agronomia.

Questo non è qualcosa di strettamente legato ad American Dad, ma piuttosto un malinteso diffuso, ma come “Il mese del mistero nero “, l’episodio in cui American Dad difende scherzosamente questa convinzione, è così divertente che valse la pena di includerla. Chi ha effettivamente inventato il burro di arachidi è ancora in discussione tra i fanatici di Reese, possiamo dire con certezza che era una persona ma sicuramente non era George Washington Carver.

Con il nome di un inventore chiamato Leonardo Nero, Washington Carver ha fatto un sacco di cose con oli di arachidi e altri prodotti affini, ma non ha mai inventato il miglior amico della gelatina. E anche se lo avesse scoperto, sicuramente non era il primo. Questo non lo ha fermato fino a diventare sinonimo di ciò; “Il mese del mistero nero ” lo tratta a tal punto da renderlo in realtà un’ alternativa di fantasia.

8. La voce di Roger era ispirata a Paul Lynde

Paul Lynde e Roger Smith
L’attore e comico statunitense Paul Lynde e Roger Smith.

Nei Griffin, la voce di Peter Griffin era ispirata a una guardia di sicurezza Seth MacFarlane conosciuta a scuola. Tuttavia, quando si trattava di creare voci per American Dad, si focalizzò su qualcuno con un po’ più noto; la voce di Roger, in quasi tutti i modi (basta ascoltare l’inflessione di fine frase) è un’impressione di Paul Lynde.

Meglio conosciuto per aver interpretato lo zio Arthur in Bewitched e per essere uno dei principali punti di riferimento di Hollywood Squares, Lynde era noto per la sua personalità incredibilmente campeggiante e per il suo umorismo, Roger in poche parole. Lynde è morto nel 1982, il che significa che si può riviverlo attraverso un alieno.

7. L’impostazione di base è la stessa di “Arcibaldo”

Arcibaldo (All in the Family)
Arcibaldo (All in the Family) è una sitcom statunitense trasmessa dalla CBS tra il 1971 e il 1979.

Con l’apertura dei Griffin si ritorna a Arcibaldo, favorito da molti scrittori. Si scopre che l’amore per lo spettacolo non ha smesso di mostrarsi; American Dad ha portato le cose a un livello completamente nuovo. All’inizio delle stagioni, quando le cose erano molto più radicate, l’allestimento dello spettacolo era intenzionalmente lo stesso della sitcom degli anni settanta; il padre rigoroso si scontrava con la figlia dallo spirito libero sulla loro politica, con particolare obiezione al suo fidanzato più fannullone.

E’ davvero molto significativo di come i creatori stavano puntando verso qualcosa di fondamentalmente meno pop culture rispetto i Griffin. Questo, tuttavia, faceva parte del motivo per cui MacFarlane era così disinteressato allo spettacolo all’inizio; gli piaceva Arcibaldo, ma American Dad nel suo stato iniziale offriva poco di nuovo.

6. L’apertura originale era completamente diversa

Sigla episodio pilota American Dad!
Confronto tra la sigla dell’episodio pilota e quella finale.

Steve non era l’unica cosa dal progetto originale che è cambiato prima dello spettacolo andato in onda. L’apertura originale era più semplice, con il nome dello spettacolo che svaniva nella bandiera fuori dalla casa degli Smith, con la canzone di Frank Sinatra You’re A Lucky Fellow, Mr Smith vi canticchiava sopra.

E’ incredibilmente diverso dalla versione finita, ma dà lo stesso tipo di sensazione, soprattutto in riferimento ai primi giorni – è molto sitcom-y. Probabilmente è stato un protagonista, ma poiché la canzone si ripete per tutta la durata dell’episodio, questo suggerisce che a un certo punto MacFarlane e gli altri stavano progettando di farla partecipare allo spettacolo. Guardate il progetto completo qui:

5. Un episodio è stato ritardato per un anno

Un racconto di Natale
Episodio 10×08 di American Dad!: “Un racconto di Natale”.

A causa del fatto che per produrre episodi ci vogliono anni, e devono essere scritti molto prima rispetto alla decisione di messa in onda ufficiale, ci saranno sempre delle discrepanze tra l’ordine di produzione e quello di rilascio. Secondo quanto riferito, American Dad ha un numero di episodi arretrati e che possono essere trasmessi in qualsiasi ordine. Eppure, una volta che un episodio era stato programmato per il suo rilascio, si potrebbe pensare che nulla poteva impedirgli di essere lanciato nel mondo.

Non è così – anche se può sembrare che MacFarlane e gli altri non sono i tipi più sensibili, si scoprì che ci sono dei limiti. “Un racconto di Natale“, che è caratterizzato dalla violenza delle armi da fuoco, fu mandato in onda solo un paio di giorni dopo la sparatoria alla Sandy Hook Elementary School e risultando insensibile. E, poiché si trattava di un Natale speciale, sarebbe stato illogico in qualsiasi altro momento, non fu più messo in onda fino a un anno dopo.

4. Seth MacFarlane ha una DeLorean

 

DeLorean ad American Dad!
Stan Smith e Steve Smith nell’episodio “Stile DeLorean” (episodio 16, stagione 4)

L’unica ragione per cui avresti mai comprato un DeLorean è tornare al futuro. Si tratta di una macchina dall’aspetto cool, ma è davvero solo iconica come la macchina del tempo dagli anni ottanta. E questo è lo scherzo centrale dell’episodio “Stile DeLorean“, l’episodio di American Dad in cui Stan rivela che sta restaurando una DeLorean nonostante non abbia mai sentito parlare del film di Robert Zemeckis.

L’episodio è stato originariamente concepito perché un paio di persone coinvolte nella produzione dello spettacolo hanno portato anche una versione della vettura (con motivazioni più attese). Oltre al sound designer Shawn Ian Kerkhoff, che ha fornito l’ispirazione principale, Seth MacFarlane ha anche una versione della vettura, completa di condensatore di flusso.

3. La numerazione delle stagioni può essere sballata

DVD American Dad Volume 1 2 3
I primi 3 Volumi di American Dad!

In tutto questo articolo abbiamo usato la numerazione della stagione usata da Wikipedia e IMDb, ma è ben lontana da un problema secco e tagliente. La prima stagione di American Dad è stata composta da solamente sette episodi, e a volte questi sono aggrovigliati con i sedici episodi della Stagione 2 come un gruppo, in quanto facevano tutti parte di un ciclo di produzione.

Questo ovviamente getta fuori la numerazione di altre stagioni una volta in TV e su DVD, rendendo piuttosto difficile tenere traccia degli episodi che hai e non hai visto. Questo è stato complicato solo dal revival TBS; i primi tre episodi della Stagione 11 trasmessi su Fox e il resto sul nuovo canale. Sembra tutto abbastanza banale, ma come ci si aspetterebbe su internet alcuni fan prendono tutto abbastanza sul serio.

2. È nato dopo le elezioni del 2000

Stan Smith e George W. Bush
Stan Smith e il Presidente George W. Bush.

Sebbene sia apparso per la prima volta sui nostri schermi nel 2005, American Dad esisteva come concetto da molti anni prima. Quando Bush ha vinto le elezioni presidenziali del 2000 (o almeno ha avuto il maggior numero di voti contati), Seth MacFarlane e Matt Weitzman erano lungi dall’essere felici e, piuttosto che cedere, volevano cercare di trovare un modo creativo per affrontarlo.

Con la stella MacFarlane sempre più in ascesa, pochi anni dopo hanno avuto l’influenza di trasformare effettivamente questa idea in realtà. Ora che ci stiamo avvicinando alla fine di un ottavo anno di Presidenza Democratica, l’ideale originale che ha spinto lo spettacolo all’esistenza è un ritorno di scena, ma ancora appeso in gran parte della sua commedia.

1. Il progetto originale per Roger

Roger di American Dad
Roger, l’alieno preso da Stan Smith nell’Area 51.

Al giorno d’oggi Roger è un emblema di come American Dad può essere sfrenato, ma all’inizio gli scrittori sentivano di essere in un angolo. Originariamente immaginato come un fuggitivo legato alla casa, divenne presto evidente che il fuggiasco dell’Area 51 era troppo divertente da confinare all’interno delle quattro mura della casa Smith. Da qui è nata l’idea dei vari personaggi di Roger e lo spettacolo è stato cambiato in modo irreversibile. Ma le cose sarebbero potute andare ben oltre; un piano a breve termine ha dato a Roger un arco molto più grande. Alla fine scartato.

Dopo aver scoperto una predilezione per i costumi, l’alieno si sarebbe rivelato al grande pubblico. E, una volta che la fanfara dei media si fosse fermata, si sarebbe ritrovato a perdere i riflettori, con le sue storie che ora cercano disperatamente di riacquistare fama. Mentre le cose andavano avanti, però, questo era illogico, un’aggiunta piuttosto inutile a un personaggio già emozionante.

(tratto da: whatculture.com)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *